Quando arriva il periodo di Carnevale, due sono le idee che ci vengono subito in mente: i dolci e che ogni scherzo vale!
La domanda adesso è la seguente: quali sono i cinque dolci di Carnevale più famosi ed apprezzati in Italia? E come si possono confezionare? La risposta non è mai stata così semplice, ed è presente in questo breve articolo, dove troverai alcuni dei dolci più famosi di questo periodo e i consigli sulle confezioni ideali per questi squisiti dolci di carnevale.
Vedremo insieme:

  • Le chiacchiere
  • Gli struffoli
  • I krapfen alla crema
  • Le frittelle di mela
  • Il migliaccio

Le chiacchiere

carnevaleIl dolce più emblematico e tradizionale di Carnevale, specialmente nel Sud Italia, sono le chiacchiere (più noti con il nome di bugie nel resto della Penisola): un composto di farina, uova, zucchero e burro fritto per alcuni minuti nell’olio, finché non assume il caratteristico colore dorato.
Secondo la tradizione, specialmente quella della Puglia, questi dolci sono fritti, ma se qualcuno preferisse una versione leggermente più leggera e meno croccante, è possibile cuocerle al forno. Infine, basta una spolverata di zucchero a velo e possono essere servite, sia calde che fredde.
Per confezionare queste prelibatezze possono essere utilizzati i Vassoi o i bellissimi portapaste Bombonette, stando attenti a riporle delicatamente, dopo che queste sono raffreddate.

Gli struffoli

Un altro dei dolci tipici del Sud, specialmente noti nella zona del Salento e di Napoli, sono gli struffoli, costituiti da un impasto simile a quello delle chiacchiere, con l’aggiunta di strutto e miele. La loro tipica forma è quella di palline, che dopo la frittura vengono calate nel miele e ricoperte di zucchero o piccoli confetti di vari colori e forme.
Una volta raffreddati, possono essere confezionati nei nostri portapaste Bombonette o Bon Bon, cosi da trasportarli e conservarli senza comprimerli troppo, perché potrebbero restare attaccati fra loro.

SCARICA IL CATALOGO BOMBONETTE

I krapfen alla crema

bombonette portapasteQuando si pensa al Carnevale, in tutta Italia si pensa subito ai krapfen alla crema, spesso oggetto della colazione della stragrande maggioranza di noi. Nel periodo della festa in questione, è possibile trovarne ovunque: le pasticcerie ed i panifici sono ricchissimi di krapfen, che possono essere consumati caldi oppure ordinati e portati a casa, per poterli condividere con tutti i propri amici e parenti.
Per preservare le loro dolcissime caratteristiche, è bene utilizzare confezioni rigide come i nostri portapaste in cartone, per evitare che vengano schiacciate dal rivestimento di un vassoio di carta. Chi vive a Napoli, troverà lo stesso dolce ma con un nome diverso, quello di Graffa Napoletana.

Le frittelle di mela

Uno dei dolci più noti nel Centro e nel Nord Italia, invece, è la frittella di mela, ottenuta eliminando tutto ciò che non è commestibile di una mela, ossia i semi, il truciolo centrale ed il picciolo, per poi tagliarla a fette sufficientemente spesse, ricoprirle di una miscela di succo di limone e zucchero, e dopo averle lasciate riposare, immergerle in un composto di farina, latte, lievito e zucchero. Dopo aver fatto ciò, sarà sufficiente cuocere in forno per alcuni minuti, e far riposare il tutto; quando le frittelle di mela non saranno più bollenti, sarà sufficiente predisporre uno dei nostri contenitori per biscotti, affinché possano essere trasportate in tutta tranquillità.

SCARICA IL CATALOGO BOMBONETTE

Il migliaccio

Per concludere questa breve guida ai cinque dolci più famosi del periodo di Carnevale e del loro confezionamento, nulla poteva farlo più degnamente di un migliaccio, un delizioso dolce fritto a base di ricotta, limone e canditi, tipico dell’hinterland partenopeo.
Questo dolce, essendo in generale di dimensioni abbastanza consistenti, richiede una confezione più grande e robusta, come le nostre portatorte, per evitare che il dolce perda di sofficità o si secchi troppo velocemente.